a supporto della biodiversità I canali come
infrastrutture VERDI-BLU
IL CONTROLLO
DELLE SPECIE ALIENE
per tutelare l’equilibro degli ecosistemi
CITIZEN SCIENCE la partecipazione dei cittadini al controllo del territorio
Ecosistema canale

Ecosistema canale

I canali artificiali contribuiscono alla conservazione della biodiversità offrendo rifugio a molteplici specie, e costituiscono un importante elemento di connessione diretta tra diverse aree naturali.
Specie invasive

Specie invasive

Le specie aliene sono organismi viventi animali o vegetali introdotti in habitat diversi da quelli di origine, la cui presenza mette a rischio l’equilibrio dell’ecosistema che li ospita. Per questo è importante limitarne quanto più possibile la presenza.
Partecipazione

Partecipazione

La gestione e la conservazione della biodiversità, così come il controllo del territorio, sono più efficaci quando si crea una collaborazione attiva tra i cittadini, la comunità scientifica e le istituzioni.

I cambiamenti climatici, le trasformazioni del territorio, l’uso intensivo delle acque e del suolo, e il loro inquinamento, sono tra le cause che hanno contribuito maggiormente alla degradazione degli habitat, riducendone il tasso di biodiversità e la capacità di fornire i tradizionali servizi ecosistemici.
Ma anche la diffusione di specie faunistiche aliene contribuisce all’erosione della biodiversità degli ambienti, mettendone a rischio l’equilibrio ecosistemico.
In questo quadro si inserisce il progetto LIFE GREEN4BLUE, che mira alla riqualificazione ambientale dei canali di bonifica per valorizzarne il ruolo di infrastrutture verdi e blu nella connessione delle aree naturali del territorio.  …LEGGI TUTTO

Superficie Interessata

0mq

Superficie Interessata

Canali coinvolti

0km

Canali coinvolti

Siti di intervento

0

Siti di intervento

Comuni coinvolti

0

Comuni coinvolti

In Europa Il 60% delle specie protette e il 77% degli habitat è ritenuta in uno stato di conservazione non favorevole (Fonte: EEA), dimostrando l’insufficienza delle misure adottate fino ad oggi per raggiungere l’obiettivo comunitario di “porre fine alla perdita di biodiversità e al degrado dei servizi ecosistemici nell’Unione Europea entro il 2020 e ripristinarli nei limiti del possibile”.

Foto di Mylene2401 da Pixabay

Anche in Italia la biodiversità è fortemente minacciata. Sul campione di 2.807 specie utilizzato dall’IUCN per valutarne lo stato di conservazione, è emerso che, nonostante gli sforzi messi in atto, negli ultimi decenni la biodiversità italiana si è deteriorata al punto che risultano a rischio di estinzione ben 596 specie, pari a oltre 1/5 del totale.

Ultime News

Seguici e rimani aggiornato sullo sviluppo del progetto LifeGreen4Blue

 

Follow by Email
LinkedIn
Share